FATTI CON ARCHICAD

Lettura: 4 MINUTI

L'Azienda Sanitaria di Udine gestisce il patrimonio edilizio in BIM

Scritto da GRAPHISOFT Italia
il 17 marzo, 2021

Azienda Ospedaliera Friuli Centrale

Tag: Strutture Pubbliche

L'Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale (Udine) è stata fra le prime committenze pubbliche ad aver investito nella metodologia BIM, in particolare per la realizzazione di un sistema informativo quale contenitore di informazioni utili per la gestione del patrimonio immobiliare. I benefici non si sono fatti attendere.

 

Perché il BIM per il Facility Management

Ormai da diversi anni, l'Azienda Sanitario Universitaria Friuli Centrale ha compreso l'importanza della realizzazione di un sistema informativo in ottica BIM per la gestione del proprio patrimonio edilizio e per la realizzazione degli interventi edili impiantistici sui propri edifici.

AREA

L'idea nasce dalla necessità di realizzare un sistema integrato e cooperativo per la produzione, lo scambio e la circolazione delle informazioni relative ai singoli fabbricati, indispensabile in un sistema complesso come quello ospedaliero. Qui, la coerenza e l'unicità delle informazioni condivise da tutti gli attori dei vari processi presenti rappresentano indiscutibilmente una priorità.

 

Obiettivi ed elementi del modello BIM

Nel redigere il programma di lavoro, prima ancora della scelta del prodotto software da utilizzare, si è pertanto, provveduto all'individuazione degli obiettivi e delle priorità, secondo una nuova filosofia di lavoro basata sul BIM.

Gli obiettivi primari individuati sono stati, oltre la necessaria realizzazione dei modelli tridimensionali, la creazione di atlanti tematici che raccolgano in un unico modello tutte le informazioni utili alla gestione edilizia e patrimoniale (oltre che sanitaria) del singolo fabbricato.

PAD9

In particolare, sono stati definiti i seguenti temi:

  • L'assegnazione di una codifica alfanumerica univoca ai vari edifici e locali, per individuare facilmente la locazione planimetrica e la loro tipologia;
  • Le informazioni dimensionali (superficie, altezza, volume) e le caratteristiche edili dei locali, in relazione alla tipologia dei materiali di finitura di pareti e pavimenti;
  • La classificazione degli impianti elettrici, meccanici e speciali presenti nei singoli locali secondo le normative proprie dei locali a uso medico e sanitario;
  • L'individuazione delle destinazioni d'uso delle varie aree, nonché delle classi di rischio da punto di vista sanitario definite in coordinamento con la Direzione Medica aziendale.

 

Un sistema integrato in costante aggiornamento

Nel processo di implementazione del modello si è deciso di coinvolgere tutti i portatori di interesse, cooperanti a vario titolo e modalità nella gestione e mantenimento del patrimonio edilizio e tecnologico aziendale. Questo ha portato a realizzare un sistema integrato finalizzato allo scambio e alla circolazione efficace ed esaustiva dei dati di interesse comune, vera a propria sfida al cambiamento metodologico e culturale rispetto alla precedente modalità di lavoro, caratterizzata da sistemi chiusi e con scarsa interrelazione.

PAD1

Centrale nel processo di digitalizzazione del sistema informativo aziendale è stata dunque la scelta di realizzare in BIM le nuove nuove progettazioni. Si tratta di un fattore indispensabile per il costante aggiornamento del sistema stesso, sia attraverso incarichi a professionisti esterni (per le progettazioni più complesse), sia che l'attività venga svolta da personale interno.

 

Implementazione del progetto

Per il raggiungimento degli obiettivi descritti, la struttura tecnica responsabile della gestione e dello sviluppo del patrimonio edilizio aziendale ha potuto avvalersi di alcune competenze professionali già presenti e dalla pregressa conoscenza di Archicad. Questo ha facilitato l'avvio delle prime fasi del programma, oltre a indirizzare la scelta dello strumento informatico.

L'azienda ha poi pianificato un programma generalizzato di corsi di formazione per consentire una maggiore partecipazione del personale interno che, in varia misura, implementa e tiene aggiornato il sistema informativo.

In particolare, fondamentale si è rivelato il contributo della geom. Almida Giovine, BIM Specialist della struttura tecnica, sia nella realizzazione del programma che nel sostegno e consulenza costante agli altri dipendenti coinvolti a vario titolo nel processo di cambiamento.

 

 


Vuoi implementare un flusso di lavoro in BIM?

Con il nostro ebook gratuito Il BIM con Archicad scoprirai come ottimizzare tutte le fasi di lavoro grazie alle potenzialità di Archicad: maggiore efficienza, meno errori e attese, massima condivisione delle informazioni.

Il BIM con ARCHICAD: scarica l'ebook che ti spiega le migliori funzionalità del software