BIM

Lettura: 6 MINUTI

Perché il BIM sta ancora mandando in bancarotta la tua azienda

Scritto da GRAPHISOFT Italia
il 4 febbraio, 2021

Tag: Lavorare in BIM

Esistono diversi modi di usare il BIM, ma due sono i principali: BIM con il template e BIM senza template. Vediamo come la quantità di tempo che lo studio e il progettista dedicano a un progetto cambiano in base a quanto sceglie di sfruttare appieno il BIM (traduzione dell'articolo "Why BIM is Still Bankrupting Your Firm" di Jared Banks).

 

Ancora nel 2012 ho aggiornato uno dei classici grafici sul BIM per mostrare come il BIM possa mandare in bancarotta la tua azienda. Possiamo fermarci a discutere riguardo alla curva, ma l'essenza rimane quella. Ecco l'immagine originale che mostra come la gestione del tempo del progettista cambia drasticamente con l’utilizzo del metodo BIM:

BIM_vs_CAD

Il mio grafico aggiornato, invece, descrive le aziende che cadono in preda al panico, tornando a una mentalità CAD dopo aver iniziato con la metodologia BIM. Come si può ovviamente dedurre dall’immagine qui sotto, questa non è una buona idea:

dal_BIM_al_CAD-1

Sebbene questi due grafici dimostrino chiaramente le differenze tra i flussi di lavoro CAD e BIM e come sia meglio attenersi a quest’ultimo, in realtà sono fallaci. Le persone guardano queste immagini e notano che non sono in linea con la loro esperienza.

"Il BIM non fa risparmiare molto tempo. Il CAD non è poi così male". Dietro a questi pensieri c’è una ragione: stiamo guardando curve idealizzate.

La curva relativa al BIM sembra lineare, ma il percorso non è mai realmente così. Il messaggio è semplificato per motivi di marketing. È concepito per dire una semplice verità: con il BIM dedichi più tempo alla progettazione e meno alla documentazione. Ma ovviamente vendere l'idea e vivere l'idea sono due cose diverse. In realtà, ci sono due varianti di questo grafico che dobbiamo guardare: il BIM senza utilizzo di template e BIM con l’utilizzo di Template.

 

Il BIM senza Template

Ecco come appare il BIM senza un buon template:

BIM-senza-template-1

La dinamica del BIM senza un template sembra molto familiare. Proprio come nel CAD, c'è ancora una montagna di lavoro da fare durante la fase di documentazione. Questo è in realtà uno dei motivi per cui comincia a insinuarsi il panico. Le persone, implicitamente, si rendono conto dello spostamento del lavoro rappresentato nel grafico originale idealizzato e cominciano ad andare fuori di testa quando vedono la quantità di lavoro ancora da fare nella vita reale. Il colpo è spaventoso perché ricorda loro il CAD e quanto lavoro comporta. Invece di fidarsi del flusso di lavoro, vanno nel panico e tutto va in pezzi.

Se effettivamente fai i calcoli (o usi Archicad per visualizzare l'area di un riempimento) e confronti l'area sotto ogni curva (che indica il tempo complessivo speso su un progetto), il BIM senza l’uso di un template è comunque più efficiente del CAD 2D, anche se ovviamente richiede più tempo rispetto alla curva ideale. Se lavoriamo in questo modo, fintanto che accettiamo che il cambiamento di lavoro non è eccezionale come ce l'hanno venduto, il BIM rimane la soluzione migliore e la più efficiente – anche se stiamo ignorando tutti gli altri vantaggi del BIM.

 

Il BIM con un Template

Lavorare con il BIM nel modo che abbiamo appena descritto è piuttosto sciocco. È qualcosa che dobbiamo affrontare tutti quando iniziamo a utilizzare un software di BIM authoring, ma dobbiamo andare rapidamente oltre questa fase. Per lavorare efficacemente in BIM, il segreto del successo è un valido template. E i template richiedono tempo.

Con template intendo qualsiasi elemento che può essere standardizzato nei progetti: cartigli, layout di pagina, dettagli standard, metodi di organizzazione, grafica, dati generici, elementi di costruzione tipici, schemi IFC, e così via. Come progettisti riutilizziamo molti dati da un progetto all'altro. Se non lo facciamo, o siamo sciocchi o lavoriamo per clienti incredibilmente specializzati. E lasciami commentare il pensiero che ti è appena venuto in mente: no, i tuoi clienti non sono quelli di cui sto parlando. Non sono così unici.

I template sono il punto di partenza di un progetto. Migliore è il tuo template, più tempo risparmierai su un progetto: sia perché contiene un sacco di informazioni incorporate, sia perché ti consente di lavorare rapidamente in un ambiente pulito. Ecco come appare il BIM con un buon template:

BIM-con-template

Il BIM con un template è addirittura più veloce di come il BIM ci viene venduto. Ma c'è un problema: è più veloce durante la vita del progetto, ma ho dovuto estendere il grafico per parlare del tempo prima del progetto. Quel tempo è significativo e ci spaventa. Come accennato in precedenza, se calcoli l'area sotto ogni curva, otterrai il tempo totale per ciascun metodo.

 

I tempi del progetto dal CAD al BIM

Stiamo parlando a livello concettuale, ma se sei d'accordo con i grafici allora i numeri ricavati sono comunque validi. Supponiamo che CAD = 100% del tempo. Come si confrontano le altre curve?

  • CAD = 100% del tempo di riferimento
  • BIM senza template = 90% del tempo di riferimento
  • BIM idealizzato = 70% del tempo di riferimento
  • BIM con template = 50% del tempo di riferimento
  • Creazione del template = 33% del tempo di riferimento
  • La nostra vecchia curva di panico = 150% del tempo di riferimento

Cosa ci dice questo? Che se non ti dedichi al BIM, non vedrai mai il vantaggio dal punto di vista del tempo investito; e se il BIM non ti fa risparmiare tempo, non stai liberando ore per fornire più servizi o fare più progetti.

I numeri sono interessanti: BIM senza template (90%) e BIM con template ma utilizzato su un solo progetto (83%) sono molto simili, ed entrambi i numeri sono al di sopra del BIM idealizzato (70%). Quindi entrambi ci dicono che gli esperti di marketing ci hanno mentito. Vuoi davvero stravolgere il tuo intero modello di business per un miglioramento della velocità del 10-20%? Non se devi investire un anno di tempo per raggiungerlo - perché ovviamente tutti questi numeri sono anche peggiori quando ti approcci per la prima volta a un flusso di lavoro.

Ogni ipotesi è un miglioramento rispetto ai vecchi metodi, ma può non essere abbastanza significativo da percepirlo. Sono tutte trappole. Aggiungi la curva di panico e il BIM inizia a sembrare una cospirazione. Tuttavia, se prendi sul serio i template, se supporti tutto il lavoro di preparazione (formazione, aggiornamenti software, ricerca, template, ecc.), accadono cose incredibili.

Visto che a noi che usiamo il BIM piace pensare in più dimensioni, è importante guardare questo grafico come parte di un continuum. Non si sta parlando di un singolo progetto, ma di tanti. E la creazione di template non è un esercizio da fare una volta. È qualcosa che necessita di aggiornamento e manutenzione. Per tutti i grafici senza template, una serie di progetti viene rappresentata dalla stessa curva ancora e ancora e ancora. Ma i template sono diversi. Se guardi una serie di progetti che aderiscono allo stesso template, i risultati cambiano nel tempo:

BIM-template-reinvestire-tempo

I template richiedono un lavoro continuo. Nella sequenza temporale qui sopra, sto mostrando una piccola, ma costante, quantità di tempo dedicata al miglioramento del template fra un progetto e l’altro. L'obiettivo di questo lavoro continuo è spostare costantemente il lavoro dal progetto al template. Ogni volta che fai un progetto, torna e migliora il tuo template. Il risultato è che il prossimo progetto richiederà meno tempo.

Se per ogni ora che trascorri sul tuo template puoi ritagliare un'ora da un progetto, stai vincendo. Alla grande. Ogni volta che risparmi un po' di tempo dal progetto precedente e lo reinvesti nel modello, stai raccogliendo vantaggi esponenziali. Il tempo che dedichi al miglioramento del template è vantaggioso per tutti i progetti successivi.

BIM-template-senza-paragone

Tutti questi grafici descrivono come sono cambiate le nostre vite da quando l'industria AEC è diventata veramente basata sulla digitalizzazione. Man mano che il tempo necessario per completare un progetto cambia, è necessario pensare a come adattare il proprio tariffario.

Aumentare il costo orario? Guadagnare meno per singolo progetto? Offrire più servizi? Realizzare più progetti all'anno? O trascorrere più tempo a rilassarsi in famiglia? E come vieni pagato per il tempo dedicato al template? Fai un lavoro di avvio del progetto che effettivamente avvantaggia tutti gli altri progetti? O aumenti le tue tariffe di una certa percentuale per coprire quel tempo non fatturabile?

Se ti ritrovi a fare lo stesso lavoro più e più volte, spostalo sul template. Se trovi noiose parti del tuo lavoro, spostale sul template. Se trovi che qualche aspetto del tuo lavoro ti sta rallentando, spostalo sul template.

BIM-template-sposta-lavoro

Il Template Archicad è il cuore organizzativo dei modelli BIM

Il template Archicad è un file che contiene le impostazioni preferite e necessarie allo sviluppo dei progetti BIM in Archicad. Il template rappresenta il cuore organizzativo, operativo e produttivo dei progetti dello studio, e come tale deve essere, oltre che sviluppato, anche costantemente aggiornato.

Nell’articolo “Il template Archicad: il cuore organizzativo del modelli BIM” Luca Manelli ti spiega come arrivare a impostare un template Archicad di studio.

 

 

Scarica la guida di riferimento di Archicad 24