FATTI CON ARCHICAD

Lettura: 5 MINUTI

Il progetto BIM di Interior Design per le cartolerie Itoya (Giappone)

Scritto da GRAPHISOFT Italia
il 31 marzo, 2021

Tag: Internazionale, Interior Design

Itoya è un'azienda specializzata in cartoleria dal 1904, molto popolare in Giappone. Mr Ikeda e Mr Yokoyama di Ikeda Architecture ci hanno raccontato il loro progetto di ristrutturazione per uno dei più grandi negozi fissi in Giappone e di come hanno applicato il BIM nello sviluppo dell’interior design.

 

Il rinnovo simultaneo di tre negozi

Mr Ikeda ci spiega che Questo è il secondo progetto in cui abbiamo utilizzato Archicad [implementato nel 2015, ndr] dalla progettazione schematica alla progettazione dettagliata. È stato un progetto complesso in quanto tre negozi sono stati rinnovati contemporaneamente.

Fondata nel 1904, Itoya è un'azienda di cartoleria molto celebre in Giappone. Possiede un totale di 22 negozi in tutto il Paese; i due principali si trovano a Ginza, la via più prestigiosa di Tokyo. Il progetto di ristrutturazione di Ikeda Architecture riguardava proprio questi due negozi, più un terzo a Yokohama, che ammontava a cinque piani di interni. Qui è stato rinnovato anche il centro commerciale in cui si trova il negozio.

Ikeda_Architecture-2

In tutti negozi ogni piano è dedicato a diversi tipi di prodotti. Ad esempio, troviamo un'area per la cartoleria di lusso, una per la carta da lettere, un'altra per penne di ogni tipologia, ecc.

Una delle difficoltà del rinnovamento dipendeva dal fatto che si volevano scambiare alcuni di questi piani tra i due negozi di Tokyo, spostando il piano terra e il primo piano di K. Itoya al 2° piano di G. Itoya, e il 2 ° e il 3 ° piano di G. Itoya al 2 ° piano di K. Itoya. La ristrutturazione dei due negozi di Ginza si è concentrata principalmente nella progettazione di nuove scaffalature e isole espositive. Pavimenti, pareti, soffitti e illuminazione sono rimasti com'erano.

Tutte queste aree sono state rinnovate contemporaneamente. Oltre alla difficoltà di lavorare in modo simultaneo, anche le tempistiche erano molto strette. Ce le spiega Mr Ikeda:

Il primo incontro con il cliente è stato alla fine di giugno. La riapertura del negozio di Yokohama è avvenuta il 1° settembre, l’apertura di G. Itoya il 10 e quella di K. Itoya il 24. Avevamo bisogno di tempo anche per la progettazione dei mobili, quindi ad agosto era necessario completare il piano di progettazione. Inoltre il cliente era molto preciso sulle funzioni e sul design, quindi dovevamo rispondere puntualmente alle loro richieste.

Ikeda_Architecture-3

Mr Ikeda ammette che, durante il processo, non sempre è stato certo di riuscire a rispettare la scadenza. Ma, nonostante i tempi stretti, non ci sono stati ritardi nella costruzione e il cliente si è detto molto soddisfatto del risultato.

Il successo del progetto di Interior Design è stato supportato dall'implementazione del BIM e di Archicad. Mr Yokoyama ammette: Se non fosse stato per Archicad, forse non avremmo completato il progetto in tempo. Molto probabilmente, con un CAD 2D animazioni o rendering sarebbero arrivati troppo tardi per l’approvazione del cliente. Inoltre il cliente non avrebbe capito la nostra proposta di design così bene già dalla fase iniziale di progettazione.

 

Sviluppare in BIM il progetto di Interior Design

Nel proprio flusso di lavoro, Ikeda Architecture effettua solitamente uno step intermedio fra la progettazione di base e quella dei dettagli, cioè lo sviluppo del design. In questa fase l’azienda crea un design che include elementi visivi più dettagliati rispetto ai semplici disegni 2D:

  • Include texture e materiali, in modo che i clienti comprendano più chiaramente il contenuto del design proposto nella fase iniziale;
  • Fornisce rendering completi;
  • Aggiunge colori e trame effettive dei materiali anche sulla planimetria, per far visualizzare al cliente il design in modo più completo.

Ikeda_Architecture-5

Con la fase di sviluppo del design il cliente può vedere il proprio punto di vista fin dalle prime fasi, e di conseguenza vede le proprie intenzioni riflesse nel design e permette di ridurre o addirittura evitare modifiche successive, dice Mr. Ikeda. Tuttavia, deve esserci il tempo per condurre lo sviluppo del design, e questo è il punto in cui il BIM con Archicad eccelle davvero nel velocizzare il flusso di lavoro. Tutto il progetto, compreso l’arredamento, è stato realizzato in Archicad. Per il secondo incontro con il cliente dall'avvio era già pronto un rendering e le procedure dettagliate in BIMx.

In una delle riunioni, anche il CEO dell’azienda cliente si è avvicinato alla parete dove l’immagine è stata proiettata e ha aggiunto alcune modifiche afferma Mr. Ikeda. Queste riunioni di sviluppo del progetto sono state ripetute più volte e ogni volta sono state apportate correzioni dettagliate. Il cliente ha confermato tali modifiche visualizzando i modelli 3D.

Non solo come strumento di comunicazione, ma anche come strumento di progettazione, Archicad ha offerto molti vantaggi, dice Mr. Yokoyama. Dal punto di vista del designer, lavorare costantemente in 3D è stato molto vantaggioso perché i mobili potevano essere visti da un’altezza degli occhi, facilitando la comprensione della relazione con lo spazio. In questo senso, Archicad è adatto per l'interior design.

I modelli 3D degli infissi e dei mobili creati per questo progetto sono stati memorizzati come un database di oggetti 3D. In questo modo Ikeda Architecture potrà rispondere in modo rapido ed efficiente in caso di ulteriori richieste di rinnovo da parte di Itoya.

Ikeda_Architecture-7

 

Il BIM è un passo verso la realtà virtuale

Riflettendo sul successo del progetto, Ikeda Architecture ha posizionato il design BIM al centro del processo creativo. Il nostro obiettivo è implementare Archicad in tutti i nostri flussi di lavoro, dai disegni schematici ai quelli dettagliati. Forse non ci sono molte aziende che lo fanno, ma credo che non abbia molto senso implementare, se non lo fai fino in fondo.

Mr Ikeda ritiene che il BIM non sia soltanto un vantaggio per il flusso di lavoro complessivo e una maggiore soddisfazione del cliente: crede che il futuro della progettazione architettonica dipenda dal BIM.

Non lontano in futuro, utilizzeremo la realtà virtuale per proposte di design e procedure dettagliate nello spazio a grandezza naturale in tempo reale. In altre parole, sarà normale che il progetto proposto venga sperimentato attraverso la realtà virtuale per la valutazione. Credo che il BIM sia il primo passo per raggiungere questo livello. Ecco perché vorrei conoscerlo il più possibile. Il mio obiettivo è essere in prima linea nella tecnologia ed essere in grado di guidare l’impresa in quella direzione.

Ikeda_Architecture-4

 

L'azienda: Ikeda Architecture

Ikeda Architecture è stata fondata nel 2010 ed è specializzata in progetti commerciali e di vendita al dettaglio con focus sull'interior design. La progettazione architettonica di Ikeda è guidata dall’architetto Yoichiro Ikeda. La società ha esperienze nella progettazione di negozi, edifici per uffici, nonché ristrutturazioni commerciali e paesaggistiche.

 

 

 


Vuoi implementare un flusso di lavoro in BIM?

Con il nostro ebook gratuito Il BIM con Archicad scoprirai come ottimizzare tutte le fasi di lavoro grazie alle potenzialità di Archicad: maggiore efficienza, meno errori e attese, massima condivisione delle informazioni.

Il BIM con ARCHICAD: scarica l'ebook che ti spiega le migliori funzionalità del software