‹ Tutti gli articoli

Dati OpenBIM, partiamo dalle basi: cosa, con chi, quando e come?

Articolo pubblicato da GRAPHISOFT Italia il 9 luglio 2020

Traduzione dell'articolo "OpenBIM Data, Starting With Basics: What, With Whom, When And How?" di Eugenio Fontan, Enzyme apd

Questo articolo introduce una serie che parlerà delle migliori pratiche per lo scambio di dati in formato OpenBIM, tra ARCHICAD e altri strumenti BIM. Si tratta di un campo molto vasto e saranno necessari molti articoli per trattare l'argomento in modo globale.

Sfortunatamente per noi, nella maggior parte dei progetti su cui solitamente lavoriamo, i clienti non richiedono il BIM, il che è difficile da credere ma vero. Quindi non sfruttiamo molte di queste nozioni nel lavoro quotidiano.

Ciò non toglie che l'uso di ARCHICAD rimane comunque, come sapete, un grande vantaggio come flusso di lavoro standard per lo sviluppo di progetti, indipendentemente dall'utilizzo o la richiesta del BIM da parte delle parti interessate.

Di recente siamo diventati professori del Zigurat Global BIM Manager Master. La cosa divertente è che a causa di questo master ci è stato richiesto di aggiornare tutti questi flussi di lavoro che sono stati accantonati per della mancanza di utilizzo. Quindi, come quando si ricomincia a praticare sport dopo molti mesi in cui si è stati fermi, è necessario un sacco di allenamento.

openbim-data-basics-what-whom-when-how-3-1024x578

approccio OpenBIM

 

In questo Master ci impegniamo a insegnare ARCHICAD come strumento di authoring per la fase di progettazione, pre-costruzione e costruzione: tutti questi flussi di lavoro applicati all'ambito della costruzione. È importante menzionarlo poiché richiede un approccio diverso rispetto alle infrastrutture e ad altre opere civili.

Durante le diverse fasi è importante capire come collaborare in un formato BIM aperto con le altre parti interessate come ingegneri, geometri, ecc. A seconda dei professionisti con cui condividiamo il modello e in base a “quale scopo”, i bisogni varieranno in modo significativo. Non è solo teoria, ma è esattamente ciò che accade nei progetti della vita reale.

 

Per cosa, con chi e quando?

Ad esempio, gli ingegneri potrebbero aver bisogno del nostro modello architettonico solo come "riferimento", al fine di sviluppare le proprie discipline e modelli BIM.
Invece, quando il modello è condiviso per condurre una "Clash Detection", condividiamo la geometria, le Classificazioni, i Tipi IFC, le Proprietà, ecc. Il pacchetto di dati condiviso è molto diverso.

 

openbim-data-basics-what-whom-when-how-4-1024x568_ita

Scopi delle diverse discipline

 

Nel caso di dialogo con consulenti che lavorano sulla pianificazione dei tempi (4D), gli elementi del modello dovrebbero essere organizzati in una determinata serie di informazioni per essere collegati a un programma temporale. Questa organizzazione consentirà ai tecnici di collegare le diverse serie di informazioni del modello ad attività specifiche organizzate in un determinato orario.

Per la stima dei costi (5D) il modello deve essere organizzato anche in serie che consentano ai progettisti di collegare tali informazioni ai grafici dettagliati di stima dei costi.

Abbiamo avuto la possibilità di imparare durante il master come collaborare in modo appropriato con professori esperti in diverse aree come ingegneria MEP, calcoli strutturali e anche processi 4D e 5D.

Quindi, sostanzialmente in base a quale attività bisogna sviluppare, i nostri modelli avranno bisogno di dati diversi, strutturati in maniera diversa. Un'altra cosa importante da ricordare è che tutte le parti interessate svolgono diversamente i loro compiti a seconda della fase del progetto in cui siamo o a seconda del progetto su cui stiamo lavorando. Il lavoro e i risultati di un architetto, progettista o ingegnere, sono totalmente diversi se parliamo della fase di Concept Design o se ci riferiamo a una gara o alla fase di costruzione.

openbim-data-basics-what-whom-when-how-6-1024x551_ita

Spiegazione Definizione Vista Modello

 

Come molti altri utilizzatori di ARCHICAD, siamo abituati a estrarre le nostre quantità e preparare le nostre stime dei costi dal nostro Modello e nel nostro modo. Ma dobbiamo ammettere che è stato grandioso imparare a confrontarsi con veri esperti in questi campi che richiedono da noi modelli IFC conformi ai loro requisiti. Inoltre, è bene ricordare che i progettisti svolgono questo lavoro da sempre, anche prima della nascita del BIM. Ma allora per quale motivo implementare queste metodologie e questi standard? Beh, perché dobbiamo migliorare l'efficienza, la redditività e la sostenibilità nel nostro settore. Pertanto, dobbiamo implementare metodi che migliorano la collaborazione tra tutte le parti interessate.

La conclusione è che, a seconda di chi utilizzerà i nostri dati, per quale scopo, in quale fase (quando) e in base alle specifiche di ciascun progetto, il modo in cui condivideremo i nostri dati in un formato OpenBIM tra le parti interessate sarà molto diverso. Non esiste un "salva come IFC" quando vogliamo utilizzare standard aperti che sono accettati a livello internazionale e utili a livello pratico. Dobbiamo elaborarlo per capire come preparare i nostri dati, siano essi geometrici o meno, e solo a quel punto condividerli.

 

Per questo motivo, gli standard OpenBIM possono essere molto astratti e vasti. Mentirei se non ammettessi che faccio fatica a capire la terminologia, i processi coinvolti, le norme, la logica e i regolamenti stessi. Non sono un BIM Manager di professione. Sono un architetto che utilizza il BIM come strumento di creazione in tutti i progetti sviluppati dal mio team, in cui il BIM è lo standard. In alcune circostanze, abbiamo gestito progetti utilizzando BIM e guidato altri stakeholder per un risultato migliore. Ho amici e colleghi che sono esperti assoluti, membri della Building Smart Organization che possono spiegare questi argomenti molto meglio di quanto possa probabilmente fare io.

openbim-data-basics-what-whom-when-how-9-1024x628

Come modellare correttamente per lo scambio IFC? Dipende dallo scopo: 4D, 5D, Clash Detection, ecc.

 

Per questo motivo, per quanto sia importante quanto abbiamo detto sopra, è fondamentale anche sapere "come" usare il nostro strumento per partecipare a questi processi. Qui è dove vorrei focalizzare la mia attenzione: sull'utilizzo nella pratica quotidiana. Tornando ad ARCHICAD, come fa questo fantastico strumento a partecipare a questi standard OpenBIM?

 

Come preparare il modello Archicad per l'OpenBIM

Per preparare il nostro modello ARCHICAD affinché sia “in grado” di essere condiviso in formato OpenBIM, come i file IFC, ci sono diverse cose che dobbiamo fare. Ma penso che possiamo sintetizzarle in 2 compiti principali:

1) Sviluppare il nostro progetto "correttamente" per ogni fase e scopo.

Un modello informativo sufficientemente dettagliato per ogni fase sarà in grado di essere condiviso nel giusto modo e nella giusta fase con le diverse parti interessate. Ciò significa che per ogni fase il nostro modello sarà diverso. Ricorda che quando parliamo di modello parliamo sempre di dati (geometrici e non geometrici).

Svilupperemo il nostro progetto cambiando progressivamente il livello di dettaglio (LOD) a seconda dello stadio del progetto. Potrebbe sembrare troppo generico dire "modello corretto". Ma un modello corretto varierà molto a seconda del Paese su cui stiamo lavorando, del progetto stesso, dei requisiti del cliente, ecc. Ma dipenderà anche dal BEP preparato per il progetto e dall'EIR.

In ARCHICAD come con qualsiasi altro software di authoring, possiamo usare strumenti e processi diversi per arrivare allo stesso risultato. Ma alcuni di questo strumenti sono più corretti di altri quando si tratta di condividere il nostro modello. Questo è ciò che significa scegliere il "modo giusto" di sviluppare il nostro progetto. Se il nostro progetto viene sviluppato in modo da poter fornire i dati giusti per ogni fase del progetto con diverse parti interessate, il nostro modello avrà successo.

2) Utilizzare le giuste impostazioni del traduttore IFC

Se il nostro modello è perfettamente sviluppato ma non "traduciamo" il nostro formato nativo in IFC o non lo "condividiamo" correttamente, potrebbe non rivelarsi utile per gli altri professionisti. Quindi, dopo che il nostro modello è stato sviluppato secondo gli standard che stiamo contemplando, dobbiamo configurare le impostazioni di traduzione corrette in ARCHICAD. Lo stesso vale per quando vogliamo inserire IFC dai consulenti all'interno del nostro modello. Per utilizzare correttamente gli IFC, dobbiamo tradurli correttamente in ARCHICAD.

openbim-data-basics-what-whom-when-how-8-1024x646

In questa serie di articoli, ci concentreremo sul punto numero 2: i traduttori IFC di ARCHICAD. Il punto 1 è probabilmente ancora più importante, ma come ho detto prima riuscire a far correggere il nostro modello è qualcosa che potrebbe variare da progetto a progetto. In ogni caso, parlando dei traduttori, parleremo anche del modo in cui il modello è stato sviluppato. Quindi, vedrai che entrambi gli argomenti sono effettivamente interconnessi.

La conclusione di questo post è in 3 punti:

  1. Per cosa, con chi e quando condividiamo i nostri dati?
  2. Una volta che abbiamo quest’informazione, come lo facciamo?
  3. I 2 aspetti di base dell'interoperabilità: sviluppare correttamente il nostro progetto e utilizzare le giuste impostazioni dei traduttori IFC.

Andremo più in dettaglio nel prossimo post in cui parleremo di come utilizzare i traduttori IFC in ARCHICAD per gestire i nostri dati e geometria per lo scambio.

 

Topics: Open BIM

Iscriviti al Blog

Articoli Recenti