Archicura: ARCHICAD con noi da sempre per l’implementazione del BIM

Articolo pubblicato da GRAPHISOFT Italia il 24 giugno 2019

Da più di venticinque anni lo studio di architettura Archicura con sede a Torino si occupa di progettazione architettonica con una particolare predisposizione all’implementazione di nuove tecnologie per l’ottimizzazione dei processi. Fin quasi dalla sua fondazione lo studio utilizza ARCHICAD riconoscendolo come partner ideale per la progettazione e lo sviluppo di commesse con metodologia BIM. 

CHI È ARCHICURA

A dare vita allo studio Archicura non è stata solo la forte passione per la professione di architetto che accomuna Ugo e il figlio Paolo Dellapiana, ma anche una comunione di intenti e di filosofia progettuale che li ha spinti fin dal 1996 a sperimentare con le nuove tecnologie verso una sempre maggiore digitalizzazione dei processi. Uno dei valori aggiunti dello studio è la capacità dei suoi fondatori di aver capito fin da subito l’importanza dei nuovi strumenti e tecnologie nella gestione di una commessa, questo gli ha permesso di seguire progetti architettonici di complessità e dimensioni differenti, sia per committenti pubblici sia per privati, sempre però con un servizio altamente competitivo in termini di controllo dei tempi e dei costi.

ARCHICURA per GRAPHISOFT

Fin dalla sua fondazione lo studio Archicura ha trovato in ARCHICAD il software ideale per lo sviluppo della sua filosofia lavorativa e per accompagnarlo in un percorso che è approdato negli ultimi anni all’implementazione del BIM. Oggi lo studio dispone, di modelli tridimensionali per ogni architettura che sviluppa, comprensivi di tecniche, materiali, quantità, caratterizzati da un buon livello di completezza e dettaglio.

 

IL BIM ED IL RAPPORTO CON IL CLIENTE

"La modellazione informativa" – racconta Paolo Dellapiana "permette di avere a disposizione una fonte di dati univoca e aggiornata su ogni aspetto del progetto e questo risulta fondamentale per una proficua e ottimizzata gestione di una commessa dal concept iniziale al modello finale, dal preliminare all’esecutivo. Integrando il modello BIM di progetto con quello di cantiere e collegando gli oggetti alle attività del cronoprogramma è possibile simulare lo svolgersi della programmazione lavori nel tempo e correggere eventuali errori di pianificazione. Nelle nuove sperimentazioni che stiamo portando avanti adesso, esportando il modello realizziamo plastici con la stampa 3D".

Seguendo la filosofia OPENBIM, Archicura ha potuto riscontrare le ottime potenzialità di scrittura e lettura del formato aperto internazionale IFC che usa ARCHICAD; il software GRAPHISOFT offre anche la possibilità di usufruire di server condivisi che permettono di seguire ogni fase della progettazione anche da remoto. Se questo risulta particolarmente importante nella collaborazione e condivisione di tutte le parti in causa coinvolte in un progetto, Archicura lo ha sperimentato anche nella comunicazione con la committenza che ha la possibilità di comprendere meglio le diverse fasi di un progetto. "Gli elaborati in 3D" - prosegue Paolo Dellapiana - "oltre ad essere uno strumento fondamentale per la costruzione vera e propria di un progetto, sono anche la testimonianza di ciò che è stato fatto e di come si sta sviluppando con un aggiornamento in tempo reale. Per questo utilizziamo molto e con grande soddisfazione l’app BIMx che permette di esportare i modelli su tablet e smartphone".

Nel percorso progettuale dello studio Archicura verso una sempre maggiore implementazione del BIM hanno avuto una particolare importanza il progetto di realizzazione di Cascina Adelaide a Barolo e quello della chiesa della Trasfigurazione ad Alba. Il primo è caratterizzato dalla costruzione di un edificio ipogeo ricoperto da terreno vegetale, mentre il secondo, seguendo l’idea progettuale, ha una forma a Tenda-Capanna realizzata con grandi teli rivestiti da manti metallici in lega zinco-titanio grigi, sostenuti da una struttura in ferro. "Il controllo continuo del modello" – sottolinea Paolo Dellapiana – "ci ha permesso di soddisfare completamente le esigenze della committenza, in particolare per quanto riguarda la Chiesa della Trasfigurazione, la CEI lo ha utilizzato per qualche anno come progetto pilota di riferimento per tutte le loro commesse".

 

CASO STUDIO: OFFICINE DI SANCASSIANO

Più recentemente Archicura ha lavorato al progetto di ampliamento e restyling dell’area produttiva dei nuovi uffici di progettazione e degli spazi di accoglienza delle Officine Sancassiano a Roddi, in provincia di Cuneo, nel quale l’utilizzo di ARCHICAD è stato particolarmente vantaggioso e performante. L’edificio si compone di due volumi distinti: il primo si riferisce ai nuovi uffici tecnici dell’azienda, il secondo all’espansione dell’officina meccanica. Il primo volume è rappresentato da un prisma regolare a due piani con il guscio metallico in acciaio vetrato e reso parzialmente trasparente da griglie e lamiere forate attraverso le quali si intravedono le tecnologie industriali che vengono lavorate in questo stabilimento. Il secondo volume destinato ai nuovi uffici tecnologici è realizzato con tamponamenti perimetrali con pannelli prefabbricati a sviluppo verticale in grado di soddisfare le esigenze di isolamento termico ed acustico, creando pieni e vuoti per le esigenze di illuminazione diretta dell’interno.

GRAPHISOFT - archicura Sancassiano foto esterno

GRAPHISOFT - archicura officine sancassiano - esterno

Lo strato più esterno è costituito da pannelli metallici, autoportanti, resistenti, non riflettenti con differenti angoli di posa per dare una diversa campitura della facciata. Nei pannelli prefabbricati saranno predisposte le aperture per le finestre e i portoni di accesso. Uno squarcio profondo penetra ortogonalmente alla linea di facciata oltre il corpo uffici per raggiungere l’interno dell’officina, portandovi luce e verde in profondità per liberare finalmente l’immutevole aridità delle storiche officine. Ad un’altezza intermedia una passerella vetrata, trasparente e leggera collega i due volumi degli uffici. Sul tetto dell’area produttiva saranno installati dei pannelli fotovoltaici paralleli al solaio di copertura e quindi nascosti alla vista, mentre i macchinari impiantistici saranno collocati sulla copertura del fronte ovest e mascherati dal rivestimento metallico.

GRAPHISOFT - archicura officine sancassiano - notturnaL’intero edificio è realizzato con tecnologie che limitano la dispersione termica per  un minor dispendio di energia e un maggior comfort degli ambienti interni. Tutto il nuovo edificio diventerà una macchina produttiva; dovrà riflettere, far trasparire e trasmettere la sensazione di complessità, pulizia ed efficienza della struttura e dei macchinari realizzati dall’azienda.

GRAPHISOFT - archicura officine san cassiano - piante

GRAPHISOFT - archicura sancassiano - interno

"La scelta di implementare e sviluppare la metodologia BIM, facilitata anche dallo sfruttare tutte le potenzialità del software ARCHICAD, è stata per noi particolarmente strategica" - conclude paolo Dellapiana - "dal momento che ha perm

esso di portare avanti un metodo di lavoro sempre più rapido ed efficiente e quindi di porci sul mercato in maniera fortemente concorrenziale. Chi non ne ha ancora compreso quanto sia importante oggi questo processo operativo credo che rimarrà indietro. Il BIM non deve essere visto come il futuro, ma una realtà che ci vede tutti coinvolti per lo sviluppo del mondo delle costruzioni".

 

 

 

Scarica l'ebook BIM FACILE

Topics: Cronache del BIM

Iscriviti al Blog

Articoli Recenti