‹ Tutti gli articoli

Padroneggiare il BIM: non fare mai una cosa sola

Articolo pubblicato da GRAPHISOFT Italia il 9 aprile 2020

Traduzione dell'articolo “Conquering BIM: never do just one thing” di Jared Banks

Parte prima: Non fare mai una sola cosa

Nel mio primo post sulle Informazioni del Progetto, ho concluso con questa affermazione sull'automazione e il coordinamento:

“È una regola di base di ARCHICAD che se prevedi di vedere qualcosa più di una volta, lo dovrai modellare. È così che manteniamo la coerenza tra le viste del progetto. Un buon 3D porta a un 2D coordinato. È lo stesso con gli elementi ad una dimensione, con il testo. Se prevedi di scrivere qualcosa più di una volta, automatizzalo e centralizzalo.”

Assicurarsi che il nostro lavoro venga visualizzato in più viste è importante perché migliora la coerenza del progetto. Altrettanto importante dell’assicurarsi che il nostro lavoro si presenti in più Viste è che questo ci permette di combattere una delle più grandi lamentele riguardo al BIM: che è lento, o che, nella migliore delle ipotesi, non è più veloce dei metodi precedenti. Gli argomenti della mancanza di efficacia del BIM sono ovviamente delle scuse per nascondere mancanza di abilità, sforzi inadeguati, preparazione di livello inferiore e uso improprio del software. La lentezza non è causata dal lavoro in un ambiente BIM: è un sintomo di un uso improprio del BIM.

Se vogliamo che il BIM sia più veloce dei vecchi metodi, dobbiamo lavorare in modalità che si avvantaggino dei punti di forza del BIM. Dobbiamo lavorare con mentalità BIM, non come con un CAD. Uno dei concetti fondamentali del BIM è realizzare molte cose contemporaneamente. Con il BIM puntiamo a più attività contemporaneamente.

 

Uno per uno o dieci alla volta

I metodi di produzione pre-BIM sono uno sforzo seriale: viene lavorato un singolo disegno alla volta. Il BIM è un metodo parallelo: molti o tutti i disegni vengono elaborati contemporaneamente.

Con la produzione in serie, un disegno finito sarà ottenuto in tempi più brevi, ma quel disegno può essere invalidato in seguito dai disegni successivi. Con la produzione parallela, i disegni vengono convalidati durante il processo di creazione controllando i risultati in altre viste, ma i disegni finiti vengono ritardati perché il lavoro viene distribuito su più disegni/viste. In un breve lasso di tempo, la produzione in serie sembra essere più vantaggiosa della produzione parallela. Ma con l'aumentare del tempo, i vantaggi della produzione parallela diventano chiari. Questa transizione di utilità è illustrata in questo esempio:

Mentre potrebbero essere necessarie 10 ore a un disegnatore manuale o a un operatore CAD per completare un disegno, un utente BIM impiega 10 ore per creare 10 disegni completati al 25%. 10 ore dopo, l'operatore CAD ha completato un secondo disegno mentre l'utente BIM ha completato il quindici per cento dei 15 disegni. Dopo altre 20 ore, l'operatore CAD ha 4 disegni completi e l'utente BIM ha 25 disegni completi. Questa è l’evidenza della superiorità del BIM.

Grafico quadrati

Mi piace fare riferimento a questo lungo periodo di disegni incompleti come la fase del Brutto Anatroccolo del BIM. Produciamo enormi quantità di dati, ma è difficile da comprendere da parte dei non Iniziati. Dire agli altri di fidarsi di noi, che andrà bene, non è una soluzione praticabile.

Un progetto trae vantaggio dall'avere tutto sviluppato in una volta, ma non per quel che riguarda la comunicazione. Un progetto è più facile da descrivere usando una pianta completa invece di sei piante semi-finite e cinquanta sezioni parziali. Clienti, collaboratori e capi devono vedere il lavoro in tutte le fasi del progetto. È qui che i sostenitori pre-BIM rivendicano la superiorità. Un’unica pianta schematica leggibile promuove le idee senza il peso del bagaglio di altri documenti che forniscono informazioni contrastanti o confuse.

La soluzione non è quella di tornare a metodi di produzione in serie simili al CAD o al disegno manuale, ma di abbracciare le metodologie BIM e pensare al multitasking lungo l'obiettivo dell’intera vita di un progetto. Scopri come il muro disegnato il primo giorno sarà prezioso per le varie fasi dello Schematic Design (Progettazione Schematica), Design Development (Sviluppo del Progetto), Construction Documentation (Documentazione di Cantiere), e Construction Administration (Amministrazione della Costruzione).

Una pianta prodotta con ARCHICAD sembra incompleta nelle prime fasi della produzione e della progettazione del modello perché la Vista manca di uniformità di completamento. Alcuni elementi sono eccessivamente dettagliati - un muro composito che mostra tutti i suoi strati o una finestra che mostra tutti i dettagli del telaio - mentre altri sono schematici nella migliore delle ipotesi – una disposizione di cucina vuota, un bagno che chiaramente non funziona o un traliccio che manca dell’appropriata struttura.

La risposta a questo mix di raffinatezza è gestire la visualizzazione delle informazioni, non omettere le informazioni dal file. Dobbiamo progettare e documentare nel modo più adatto alle nostre esigenze, quindi modificare la visualizzazione degli elementi per rendere i disegni uniformi e leggibili. Controllando la visualizzazione per creare un'uniformità di completezza nei nostri disegni, possiamo simulare i vantaggi della produzione in serie: un disegno che sembra completo, che lo sia o meno. I seguenti due post descrivono i dettagli su come eseguire questa operazione in ARCHICAD:

I miei post sullo Sciocco Intelligente discutono su come applicare regole predefinite — le Opzioni Vista Modello, le Regole di Sovrascrittura, i Set di Penne, il Filtro Ristrutturazione (Gialli e Rossi), le Combinazioni di Lucidi, ecc. — alle varie Viste. Non è sufficiente rendere automatica la grafica su una singola vista. Dobbiamo far sì che la grafica automatica avvenga contemporaneamente su più viste. Abbiamo bisogno dell'automazione parallela, non dell'automazione seriale.

Utilizzando soluzioni globali che applicano automaticamente la grafica desiderata a tutte le viste selezionate, regoliamo la grafica di molti disegni contemporaneamente: siamo multitasking. Dobbiamo evitare la presenza di qualsiasi impostazione di visualizzazione (o di qualsiasi altra cosa in ARCHICAD) denominata PERSONALE. PERSONALE corrisponde alla logica CAD. PERSONALE non è multitasking. PERSONALE non è efficiente. PERSONALE è di fatto locale e non riproducibile. PERSONALE sono un blocco stradale e un dosso che vi rallentano. Se hai l’opzione di creare qualcosa in ARCHICAD (Impostazioni Vista, Elemento, Parametro) scegli la soluzione che permette di essere modificata in modo che questo influenzerà tutti gli elementi/Viste/Layout/Parametri/ecc. interessati.

Anche se pensi di creare una vista, un profilo complesso, ecc. unico, di tipo PERSONALE, questo è comunque un errore. Ti costringe a gestire quel dato localmente in un modo non automatizzato, non multitasking. PERSONALE nelle Impostazioni della Vista è l'equivalente di uno stupido pezzo di testo inserito su un'elevazione: è un dato basato sulla vista, disconnesso dal tutto, indipendente dalla globalità del progetto.

Multitasking-1200x663

Inerente allo sviluppo di tutti i disegni/viste all'unisono è un riorientamento della nostra comprensione dello sviluppo del progetto. Dobbiamo prima guardare al modello, all'EDIFICIO, e poi ai disegni. Dobbiamo concentrarci non sull'ottenere una pianta leggibile come primo obiettivo, ma piuttosto una progettazione leggibile. La progettazione schematica è completa quando un edificio è sviluppato a un certo livello di dettaglio, non quando la pianta sembra pronta. Dopotutto, con le opzioni di visualizzazione appropriate (e talvolta alcune correzioni di dati grafici utilizzate con giudizio), praticamente qualsiasi pianta, sezione o prospetto può essere immediatamente reso pronto dal punto di vista del suo aspetto.

Ciò significa che quando il progetto ha raggiunto la soglia necessaria per la condivisione con il cliente, potremmo avere piante, sezioni e prospetti che sono tutti utilizzabili. O forse non ne abbiamo nessuna, solo viste 3D. La fase schematica si ritiene conclusa quando il disegno è pronto, non quando è adeguatamente vestito con fili di fumo che fuoriescono dal camino o alberi agitati dal vento sullo sfondo. In questa comprensione dello sviluppo del progetto, iniziamo a renderci conto che le note e le quotature di una pianta hanno meno valore di una serie completa di Viste senza testo. Note e testo sono per gli altri, non per i progettisti.

Tutte queste informazioni, se conosciute e importanti in una fase iniziale, dovrebbero essere incorporate negli elementi, non nelle Viste.

I dati possono quindi essere estratti e posizionati automaticamente quando è necessario. Se è necessario / si desidera aggiungere note in anticipo durante la fase schematica o di sviluppo del progetto, gli elementi devono essere etichettati in un modo che permetta al testo di evolversi con il progetto.

Lavora sempre con un occhio verso il prodotto finale. Riduci al minimo il tempo della Progettazione Schematica su elementi che rimarranno orfani quando verrà aggiunto il livello di dettaglio successivo. Assicurati che il multitasking non riguardi solo la raccolta dei dati nelle viste giuste contemporaneamente, ma anche nel tempo.

Grafico muro

 

Parte Seconda: Non fare troppe cose

L'anno scorso ho progettato una ristrutturazione di un bagno di 27 metri quadri e ho anche fatto una ristrutturazione per un ufficio di chiropratica. Ho usato strumenti 3D per entrambi i progetti. Ho dato una sbirciatina al 3D, ma non l'ho mostrato ai clienti. E non ho mai modellato ciò che non si vedeva in Pianta. Non era necessario.
In entrambi i progetti, i modelli non avevano abbastanza per aiutare. Non era necessario per il livello di progettazione che stavo facendo. I clienti non ne avevano bisogno per capire cosa stesse succedendo. Non sarebbe stato un multitasking appropriato sviluppare il modello oltre ciò che era necessario per i documenti: sarebbe stato uno spreco di energia.

Comportati sempre in modalità multitasking, ma ricordati sempre che non tutti i multitasking sono preziosi.

Non sprecare sforzi ed essere sempre consapevoli del quando fermarsi sono componenti importanti per un buon multitasking. Non possiamo rivendicare metodi super di progettazione e produzione basandoci su fantasmi o falsi benefici. Quando lavori in ARCHICAD, assicurati che i vantaggi secondari siano reali. Se stiamo lavorando a un progetto che non prevede un piano di demolizione, la gestione di ciò che verrà dimostrato utilizzando il Filtro di Ristrutturazione potrebbe essere una perdita di tempo; se non stiamo tenendo traccia dei costi, non dovremmo includere quel campo nei nostri Abachi.

"Di più" non è sempre "meglio". Analizza tutto ciò che fai all'interno di ARCHICAD e metti in discussione quanti benefici ne derivano. Scopri come estrarre più valore da ciò che stai facendo e sii vigile contro la caduta in trappole dove si lavora di più senza trarne nulla in più. Posso dirti una varietà di tecniche per modellare in modo efficiente ogni pezzo di legno in una casa unifamiliare, realizzare bellissimi disegni e modelli impressionanti. Ma qual è il punto?

Il BIM non riguarda solo geometria e dati: riguarda anche le persone e i soldi. Dobbiamo pensare al multitasking da entrambe queste prospettive.  Il denaro è alla radice di tutto questo. Stiamo facendo qualcosa che lo spreca? O stiamo facendo qualcosa che rende di più?

Il multitasking in relazione alle persone è più interessante. In che modo le nostre decisioni riguardano le varie persone connesse al progetto? Stiamo creando dati collegati per aiutare il progettista o l'autore del modello? O è per aiutare l'appaltatore e il cliente? Le buone decisioni aiutano il maggior numero possibile di parti interessate.

feels-smart-sounds-dumb-1200x679

Diffida delle decisioni da beneficiario singolo e non accettare di fare qualcosa (senza costi/tempo aggiuntivi) se aiuta un solo stakeholder. Se l'appaltatore desidera sapere quanti metri quadrati di muro a secco ci sono nel progetto, assicurati che sia un beneficio per lui e per il cliente prima di investire il tempo a trovare la risposta; oppure assicurati di sapere se le informazioni sono preziose anche per te (perché miglioreranno il tuo progetto o ti faranno guadagnare più denaro perché stai fatturando anche il tempo per la risposta).

Questo richiede un cambiamento di prospettiva.  Se impari a calcolare le quantità in ARCHICAD a un livello che offra vantaggi agli altri, assicurati di imparare a rendere preziose tali informazioni anche per te, per ottenere servizi aggiuntivi per i tuoi clienti, una migliore progettazione attraverso la conservazione delle risorse o una migliore collaborazione con altri appaltatori su progetti futuri. Solo perché siamo in grado di scoprire qualsiasi informazione dal BIM non significa che dovremmo o dobbiamo farlo.

Le decisioni del singolo beneficiario sono spesso prive di vantaggi, ma a volte possono avere qualche utilità. A volte dobbiamo fare le cose per rendere felice un solo stakeholder. Il pericolo maggiore è quando le decisioni del singolo beneficiario sono in realtà decisioni a zero beneficio. Si tratta di scelte di modellazione e generazione di dati che sono spesso fatte per la gloria del progettista o alla ricerca di una maggiore verità BIM. Non perdere tempo a fare cose che non solo non supportano il multitasking ma non offrono alcun valore aggiuntivo.

Non creare ogni prospetto interno o richiamare ogni dettaglio se nessuno ha bisogno di tali informazioni in cantiere. Non aggiungere informazioni non necessarie al tuo modello perché ritieni che tutti i file BIM debbano contenere quel dato X o Y. 

 

Parte 3: Lo sapevi sarebbe arrivato

Il BIM sposta i disegni da uno sforzo seriale a un processo parallelo. I processi paralleli consentono il multitasking che, a sua volta, velocizza il lavoro su qualsiasi cosa tranne i tempi più brevi. In questo articolo ci siamo concentrati su progetti singoli. Il BIM e i vantaggi dei processi paralleli sono esponenzialmente più vantaggiosi se non guardiamo a un singolo progetto ma alla totalità dei progetti.

L'automazione della grafica di un disegno è cosa buona; lavorare in modo che tutti i disegni di un progetto abbiano la grafica aggiornata all'unisono è meglio; impostare i sistemi in modo che tutti i progetti attuali e futuri traggano vantaggio dagli standard grafici automatizzati e multitasking che sviluppiamo è il massimo da raggiungere.

Usare un template trasforma il lavoro dal progetto singolo alla totalità dei progetti. Un template trasforma la creazione di progetti da un processo seriale a un processo parallelo. Ci consente di fare un altro salto di efficienza, simile a quello del CAD al BIM. i Template sono la soluzione per rendere il BIM ancora più redditizio

Grafico curve

 

 

 

Scarica l'ebook BIM FACILE

Topics: BIM

Iscriviti al Blog

Articoli Recenti